Calcio – Città di Cosenza riprende il campionato

La Pirossigeno Città di Cosenza è tornata in campo dopo le dimissioni di Mendicino in attesa del pronunciamento sul ricorso alla ben nota decisione del TFT: fiduciosa sull’accoglimento dello stesso, la società bruzia pare decisa a mantenere, se non intatti, quasi, gli obiettivi di inizio stagione: Dopo il “ciclone” di queste settimane, ha accettato di rimanere in rossoblu un gruppo di atleti sicuramente di un certo livello, comprendente i portieri Gervasi e Candiloro, Galiano, Bruno, Naccarato, Raffaele Chiappetta e Riconosciuto (che si è visto ridurre la squalifica a tempo rimediata in Coppa al 31 gennaio). La guida tecnica della squadra, al momento, è stata affidata a Lello Stancati, nel duplice ruolo di allenatore-giocatore. Ore febbrili, queste per il ds Rocco Bossio, che sta setacciando il mercato (italiano e straniero), alla ricerca di elementi di qualità (tra cui un ultimo) in grado di rimpolpare il sopracitato organico per proseguire il torneo con rinnovate ambizioni: detto di Stancati, sono arrivate le firme dell’esperto bomber Quintino Vallone ex Prato San Marco, giocatore che non ha certo bisogno di presentazioni e già a segno oggi, Giovanbattista Perri, proveniente dal calcio a 11. Tornando al futsal giocato, la partita contro l’Hellas Cirò Marina è terminata con uno spettacolare 7-7: da segnalare che tutti i gol dei cosentini sono stati siglati col portiere di movimento. Un punto di (ri)partenza per Galiano e compagni, mentre il rocambolesco epilogo finale sa di beffa per l’Hellas Cirò Marina, che era stata avanti anche di 3 gol.

Cronoca:
Incredibile girandola di gol a Casole Bruzio, dove la Pirossigeno Città di Cosenza è riuscita a rimediare un punto che alla fine può considerarsi guadagnato, visto che si è presentata a questo match con un roster ridotto all’osso e tra l’altro privo di Raffaele Chiappetta e Riconosciuto, senza dimenticare che la squadra si è ritrovata oggi dopo un paio di settimane di inattività. La mancanza di un ultimo di ruolo è pesata come un macigno sull’inizio gara dei padroni di casa, con il Cirò che ne ha approfittato per portarsi sul 3-0. A questo punto mister Stancati ha ordinato portiere di movimento ad oltranza (avanzando Gervasi) e il Città di Cosenza è ritornato in partita, impattando nel finale di tempo con Galiano e Vallone. Nella ripresa ancora il Cirò avanti, ma il Cosenza ha risposto colpo su colpo: nel finale ospiti ancora una volta cinici su un altro sbaglio dei padroni di casa (che in precedenza avevano sfiorato il gol del vantaggio), Gervasi ha salva i suoi con un vero e proprio miracolo (sarebbe stato il gol dell’8-6 per il Cirò) e, con Stancati in campo, i rossoblu sono pervenuti al definitivo pareggio grazie a Naccarato.

Attachment

Lascia un Commento

(required)

(required)